Risotto di orzetto allo zafferano e erba cipollina

Risotto d'orzo allo zafferano

Consiglio l'orzetto perlato. Si cucina in meno tempo rispetto all'orzo integrale e ha il vantaggio di non aver bisogno di un lungo ammollo.
Certo, con la raffinazione i valori nutrizionali leggermente diminuiscono, ma lo propongo in ogni caso, poiché è un ottimo remineralizzante, depurativo e facilmente digeribile per chi soffre di gastriti.
La cottura è peraltro più lunga del classico risotto(40-45 minuti).
Prima di cucinarlo va lavato sotto l'acqua corrente per eliminare eventuali impurità.
Il piatto é semplice, rustico, un'alternativa per chi ama i cereali poveri (ma non di valori alimentari) antichi di montagna.

Ingredienti per 4 persone

300 g di orzo perlato
brodo vegetale
1 scalogno
mezzo bicchiere di vino bianco
una bustina di zafferano
erba cipollina
80 g di parmigiano reggiano
olio e burro

Preparazione

Tagliate lo scalogno a dadini e soffriggetelo in olio extravergine. Aggiungete l'orzo perlato, lasciate rosolare per qualche minuto, sfumate con il vino bianco.
Continuare la cottura aggiungendo il brodo poco alla volta fino a quando l'orzo sarà al dente (circa 40 minuti circa).
Dopo 30 minuti unite lo zafferano; attenzione l'orzetto si attacca facilmente sul fondo del tegame, quindi mescolate spesso.
A cottura ultimata aggiustate di sale, spegnete il fuoco e mantecate con burro e parmigiano.
Cospargete con erba cipollina e servite.





Nessun commento

Posta un commento