Fiori




Ascolta nel pieno dell'inverno
quando la florida estate
la splendente zingara avvolta in una falciata di fiori
il grano un orecchino d'oro sulla guancia
ha lasciato il nostro nord ai precisi tratti dell'inverno
all'inverno più scarno quando il sole
scivola via in un arco stretto e furtivo
rosso come la luna del raccolto
da est a ovest
e i cigni rincasano al crepuscolo sul lago plumbeo
scuro nelle pianure della neve
L'acqua soltanto inviolata dalla neve.
(Sackville-West)


Ellebori


Helleborus niger


Nel mio piccolo giardino ho due specie di ellebori: l’Helleborus niger o Rosa di Natale, perché fiorisce appunto già a dicembre con i suoi bei fiori candidi, e l’Helleborus Orientalis più tardivo, ha dei grandi fiori che assumono varie tonalità dal verde al rosa tenue al bianco.
L’elleboro è una pianta erbacea perenne che appartiene alla famiglia delle Ranuncolacee. Non teme il freddo ne il gelo.
É una pianta per luoghi ombreggiati... o mezz'ombra: fiore antico, solitario, che sfugge il calore del sole, fiorisce d’inverno, facendo capolino anche fra la neve, con i suoi colori spezza l’uniforme atmosfera invernale, dando l’impressione di un improvviso sprazzo di primavera.

Il nome Elleboro deriva dal greco “helleborus“, ovvero “nutrimento che uccide” in riferimento alla sua particolare velenosità, specialmente del rizoma e delle radici.
Nell’antichità si reputava che la sua radice fosse un rimedio contro la pazzia.


Helleborus Orientalis


Come si coltiva: La pianta non presenta particolari problemi ed é di facile coltivazione...anche in vaso.
In dicembre, si vedono spesso queste discrete bellissime piantine in vendita nei vasi dai fiorai, accanto alle vezzose eriche e ai fragranti ciclamini. Va posizionata in penombra, in giardino va bene sotto un albero, oppure sul balcone o terrazzo utilizzando vasi di medie dimensioni e terriccio fertile.
Predilige terreno soffice, torboso e ben drenato. Annaffiare una volta a settimana, evitando i ristagni che potrebbero fare marcire il colletto della pianta.




Camelie

Camelia sasanqua


colori lievi
solo camelie
nella foschia mattutina 

(Shuoshi Mizuhara)


Tre sono le camelie del giardino: una del tipo Camelia japonica, le altre due sono Camelie sasanqua.
La Camelia sasanqua è la mia preferita per la fioritura invernale, ha un fiore leggiadro sia nella forma che nel colore...sembrano tante farfalle posate sull'albero e poi è meno effimera della Camelia japonica, molto fiorifera, ma basta un giorno di pioggia per mandare tutto in rovina.
La Camellia sasanqua è una specie che proviene dalla Cina, fiorisce da novembre a marzo e forma solo fiori semplici di colore che varia dal bianco al rosa al rosso. Sono rustiche e sopportano temperature anche inferiori a 0°C, ma non tollerano la neve sulle foglie, che può provocare delle bruciature. Non tollerano i venti.
Sono piante da sottobosco che preferiscono posizioni ombreggiate o semiombreggiate; ma possono tollerare anche il pieno sole, avendo però cura che il terreno sia sempre umido. L'esposizione ideale è la mezz'ombra, ossia un sole filtrato dalla chioma di piante ad alto fusto o quanto meno l'ombra proiettata da una pianta o da una casa per mezza giornata, preferibilmente dal primo pomeriggio in poi. In zone collinari dove la temperatura estiva non è eccessiva, la camelia può essere posizionata anche in pieno sole. In aree molto ventilate conviene scegliere una posizione riparata.


lavanda


Ma per la breve delizia di quest'estate
semina tagete,
e il luminoso
fragile papavero che muore al mezzodì
per svegliarsi in fresco stupore;
lungo le pietre del sentiero porrai
il dolce alisso e la reseda
così che all'arrivo della mezza estate
e api possano ronzare sui cespi profumati
le Dorate Italiane
come il selvaggio 
bombo nero ingannate:
gli amanti che mai si baciarono
possono seminare la vaga nigella

(Vita Sackville-West)


margheritine



Umile margherita,
ti sollevi ardita
tra i mille e mille
fili d’erba campagnoli,
riportando la vita
a chi l’aveva smarrita.

(Gabriella Nasi)
  


Narcisi

                                      
                                                                                             

NARCISO


Ragazzo,
bada, caschi nel fiume!
Nel fondo c'è una rosa
e nella rosa un altro fiume.
Guarda quell'uccello! Guarda
quell'uccello giallo!
Mi sono caduti gli occhi
dentro l'acqua.
Dio mio!
Cadi! Ragazzo!
... e nella rosa ero io stesso.
Quando perí nell'acqua,
compresi. Però non spiego. 


di  Federico Garcia Lorca



Iris unguicularis:



Iris unguicularis:


Fioritura I-II. Altezza cm 30.
L' Iris unguicularis doveva fiorire già a metà inverno. Pensavo che quest'anno non ne volesse proprio sapere, ma che volesse passare oltre; invece per ora c' è un fiore...e mi fa l'occhiolino.
Ora aspetto gli altri, ma chissà se sarà un solitario birichino.
Questo fiore, un po' scapigliato nelle foglie, regala dei bellissimi fiori profumati con sfumature stupende di azzurro; originario dell'Algeria dove cresce spontaneo è una specie rustica, con foglie sempreverdi.



Corbezzolo:



corbezzolo

Il nome botanico del corbezzolo è Arbutus unedo L
Giovanni Pascoli ha visto nei suoi colori, quelli della bandiera e gli ha dedicato un’ode:


“O verde albero italico, il tuo maggio
é nella bruma: s’anche tutto muora,
tu il giovanile gonfalon selvaggio
spieghi alla bora”


Arbusto molto decorativo grazie alla sua capacità di ospitare foglie, fiori e frutti contemporaneamente: a fine estate produce innumerevoli fiorellini bianchi a forma di campana; nello stesso periodo maturano i frutti, che impiegano un anno intero per maturare.
I frutti sono tondeggianti, giallo-rossi, dolci, con scorza leggermente rugosa, quando sono maturi tendono a cadere dall’ albero. 



Rosa iceberg:



Una delle più belle ed apprezzate floribunde di colore bianco puro, per bordure medio/alte o per grandi gruppi isolati. I boccioli sono eleganti ed i fiori sono doppi e lievemente profumati. Molto rifiorente fino all'inverno. Il fogliame  di colore verde brillante e lucido contribuisce alla sua eleganza.
Pianta vigorosa e resistente alle malattie. Disponibile anche nella forma rampicante.








Nessun commento

Posta un commento